La Madonna di Foligno di Raffaello torna nella sua città

Torna dopo due secoli la Madonna di Raffaello a Foligno (Umbria). Il celebre dipinto sarà esposto dal 18 al 26 gennaio prossimi nella chiesa del monastero di Sant’Anna (in via Niccolò Alunno). L'ingresso è GRATUITO.


Info: http://www.casabeatangelina.it/

 
La Madonna di Foligno è un dipinto a olio su tavola trasportata su tela (320 × 194 cm) di Raffaello, databile al 1511-1512 e conservato nella Pinacoteca Vaticana nella Città del Vaticano. Il dipinto venne commissionato da Sigismondo de' Conti, segretario di papa Giulio II, come ex voto per il miracolo che aveva visto uscire la sua casa di Foligno illesa dopo essere stata colpita da un fulmine o un bolide. La pala si trovava nella chiesa di Santa Maria in Aracoeli a Roma, luogo di sepoltura di Sigismondo, da dove nel 1565 una monaca nipote del donatore la fece trasferire nella chiesa di Sant'Anna a Foligno, presso il Monastero delle Contesse della Beata Angelina dei Conti di Marsciano[1]. Fu rastrellata durante l'occupazione francese nel 1797 e portata a Parigi. Lì l'opera fu trasportata su tela, verso il 1800-1801, da Francois Toussaint Hacquin, lo stesso che trattò analogamente la Vergine delle Rocce. In seguito al Trattato di Tolentino tornò in Italia (1816), ma il pontefice Pio VII, come per altre opere importanti d'arte sacra che vanta oggi della Pinacoteca Vaticana, decise di trattenerla a Roma.


Per l'occasione il B&B Cascina Antonini, a soli 3 km dal centro storico di Foligno, propone camera matrimoniale con bagno al costo di euro 50,00 al giorno. Per informazioni o prenotazioni tel. 3282195980.